Le Reflect Flow sono le nuove cuffie senza fili dell’azienda americana JBL. Leggere e resistenti ad acqua e sudore (il grado di protezione è IPX7), sono pensate soprattutto per gli sportivi che vogliono allenarsi in libertà e con la massima autonomia. Questo tuttavia non impedisce loro di risultare ottime anche per un uso quotidiano e più tranquillo. Rimangono sempre saldamente al loro posto, senza cadere e sono comode da indossare al punto che, a musica spenta, può capitare di dimenticarne la presenza, complice anche la totale assenza di cavi.

Zero fili e tanta autonomia
Le cuffie sono fornite insieme alla custodia. Appena estratte dalla loro sede, si accendono e si collegano sia l’una all’altra sia con la fonte musicale preimpostata (smartphone, tablet o pc che sia). L’autonomia raggiunge le dieci ore di funzionamento, che arrivano a 30 semplicemente riponendole nella custodia che ha a sua volta una batteria, con tanto di indicatore di carica a quattro tacche e porta micro USB sulla parte posteriore. Così le Reflect Flow sono le cuffie true wireless con maggiore autonomia sul mercato. Si ricaricano totalmente in circa due ore. Per una ricarica rapida bastano appena dieci minuti per un’ora di ascolto.

Comandi a portata di mano
Entrambi gli auricolari sono dotati di un tasto funzione: spegne e accende la musica con una singola pressione, mentre con due richiama l’assistente virtuale (Siri o Google Assistant). Con un altro tasto si possono attivare le modalità Talk Through e Ambient Aware. Basta una pressione e si attiva la prima, che abbassa la musica e cattura i suoni circostanti amplificandoli. Premendo di nuovo, si attiva la seconda che consente di ascoltare musica a basso volume assieme a quello che ci accade intorno. In entrambi i casi, lo scopo è ridurre l’isolamento acustico di chi le usa quando si trova in situazioni che richiedono maggior attenzione, come correre su un marciapiede affollato e attraversare una strada. Unico appunto: un prodotto top di gamma come le Reflect Flow avrebbe meritato tasti attivabili al semplice contatto e non con la pressione che, alla lunga, può risultare fastidiosa per l’orecchio. Le cuffie vengono vendute con adattatori in gomma di tre differenti dimensioni, per adattarsi un po’ a tutte le necessità.

Un suono pieno e ricco
Di solito uno dei limiti delle cuffie in-ear senza fili è che, dovendo concentrare tutto l’hardware in poco spazio, devono sacrificare qualcosa in termini di qualità del suono. In questo caso JBL riesce a trovare il giusto compromesso tra dimensioni e peso. Il risultato è un suono pieno e ricco, che non rinuncia a nulla ma che anzi può contare su ottimi bassi.

Concludendo, per soli 150 euro avrete un formidabile paio di cuffie!

Fonte: www.lastampa.it – Alessio Jacona

Pin It on Pinterest

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire
funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul
modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web,
pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che
hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.
Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare il nostro sito web. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi