A quanto pare anche in Italia il colosso dell’e-commerce sta sperimentando un sistema di rateizzazione, a tasso zero, basato sulle comuni carte di credito già associate all’account dei clienti. Di questa nuova modalità di acquisto sappiamo già che non serve necessariamente una carta “revolving”, di quelle che funzionano con la rateizzazione a monte degli acquisti: il sistema accetta una comune Mastercard, American Express o Visa e ripartisce le rate su una cifra netta, iva inclusa e anche questa ripartita, senza ulteriori balzelli o commissioni. Non sono però accettate le carte prepagate e quella utilizzata deve avere la data di scadenza almeno 20 giorni dopo il giorno previsto per l’ultima rata.

Per ora l’opzione è apparsa solo su uno smartphone, un Realme X2 venduto direttamente da Amazon. Le rate mensili previste in questo caso sono cinque, definite automaticamente da Amazon al momento della selezione del metodo di pagamento. Il sistema provvederà a prelevare dalla carta di credito la rata ogni 30 giorni fino al saldo della somma. Appena si fa il check out, sulla carta verrà addebitata la prima rata. L’acquisto è dunque concluso e il prodotto viene inviato secondo il metodo di spedizione previsto. Tutto molto semplice insomma anche se per il momento il servizio sembra attivo su un numero di profili casuale, così come casuale sembra la scelta degli utenti e resta ancora da capire come funzioneranno le politiche di reso durante il piano rateale. L’azienda per ora non ha rilasciato dichiarazioni o comunicati ufficiali ma ha pubblicato una pagina in cui illustra nel dettaglio i termini del sistema di pagamento rateale.

Fonte: www.repubblica.it di Tiziano Toniutti

Pin It on Pinterest