Per iniziare le chiavi dell’auto. Più avanti il passaporto, la carta d’identità, la patente e molti altri documenti ufficiali. Questo sembrerebbero lasciar intendere cinque brevetti, di cui dà conto AppleInsider, nei quali il colosso di Cupertino dettaglia i metodi attraverso i quali la carta d’identità di un utente potrebbe essere registrata, trasmessa e validata dall’ente che l’ha emessa per poter essere digitalizzata sul telefono.  I cinque documenti sono stati depositati all’Us Patent & Trademark Office da diversi esperti ma sempre per  conto di Apple. l’iPhone non viene mai citato, ma per centinaia di volte i prospetti si riferiscono a dispositivi che chiaramente, anche dai disegni allegati, indicano lo smartphone di casa così come l’Apple Watch, l’HomePod o il MacBook.

Tutti i brevetti sono battezzati “Providing Verified Claims of User Identity” e appunto vi si specifica il funzionamento di un “dispositivo basato su un sistema per verificare l’identità che includa almeno un processore configurato per ricevere e verificare la richiesta e che disponga delle informazioni per identificare lo stesso utente. La richiesta verificata dev’essere convalidata da un server basato sulla certificazione dell’informazione da un provider separato ma in modo specifico per il dispositivo”. Pur nei passaggi un po’ involuti del lessico da inventori, sembra di rintracciare l’eco di un meccanismo di certificazione che garantisca la privacy con protocolli specifici destinati ai prodotti Apple con cui collegarsi ai server degli enti pubblici, verificare ad esempio la validità di una carta d’identità e infine memorizzarla nel Wallet dell’iPhone. Lì dove già ora teniamo, per esempio, le carte di credito usate con Apple Pay o le carte d’imbarco per gli aerei.

Ma accennavamo alle chiavi dell’ auto… All’ultima Worldwide Developer Conference Apple ha infatti svelato Car Keys. Incluso nel nuovo aggiornamento del sistema operativo per iPhone, iOS 14 in arrivo in autunno con i nuovi smartphone, consentirà di digitalizzare la chiave della propria auto, aprendola e mettendola dunque in moto semplicemente con l’iPhone, attraverso il lettore Nfc sulla maniglia e in un vano interno dell’abitacolo. Serve ovviamente che le vetture siano predisposte, e infatti si inizierà dai prossimi mesi con la Bmw Serie 5 del 2021 (dove il sistema si chiamerà BMW Digital Key). La casa tedesca è la prima a lanciare una simile collaborazione con Cupertino. Il proprietario del veicolo e dell’iPhone potrà decidere a chi far usare le sue chiavi e addirittura cosa le diverse chiavi potranno consentire di fare: per esempio solo l’apertura e non la messa in moto della macchina o addirittura impostando, oltre alla velocità massima consentita, il volume dello stereo. Condividere quelle chiavi digitali sarà semplicissimo: lo si potrà fare per esempio tramite un messaggio. Così come in un solo tocco si potranno disattivare tutte le “car key” in circolazione. E se la batteria si scarica? C’è una riserva speciale di cinque ore che consentirà comunque, anche a telefono ormai inservibile, di mettere in modo l’auto.

La sicurezza è garantita dal fatto che le chiavi sono memorizzate nel Secure Element, chip a parte integrato nell’architettura dello smartphone con un proprio ambiente operativo, impenetrabile ad app terze e allo stesso iOS e dedicato alla protezione dei dati di pagamento. Si tratta della porzione del sistema dove oggi sono già parcheggiati i dati delle carte di pagamento e dove un domani, dicevamo, potrebbero finire anche le informazioni legate a carte d’identità e altri documenti se quei brevetti troveranno una loro strada. Così come la chiave dell’auto digitale può essere disattivata tramite iCloud se si perde l’iPhone o se ci viene rubato, anche i documenti eventualmente custoditi potrebbero avvantaggiarsi di un più rapido sistema di notifiche in caso di smarrimento, scadenza o furto.

L’utilizzo di un sistema simile anche per i documenti di riconoscimento consentirebbe inoltre di sfruttare i sensori, dal Face ID a quelli biometrici, inclusi nei diversi dispositivi Apple. Così come nessuno può pagare con una carta di credito Apple Pay senza riconoscimento dell’impronta o del volto, nessuno potrà sfruttare una carta d’identità memorizzata nell’iPhone senza i medesimi passaggi di riconoscimento.

“Per essere legale, l’identità dev’essere autenticata dal governo – ha spiegato lo scorso anno Jennifer Bailey, vicepresidente di Apple e responsabile globale per i pagamenti – molti paesi in giro per il mondo iniziano a usare lo smartphone come veicolo per il passaporto. È una prospettiva non troppo lontana ma non arriverà così rapidamente come altre che abbiamo sviluppato”. Intanto, però, è già passato quasi un anno. E dopo Car key i tempi sono più maturi.

Fonte: www.repubblica.it – Simone Cosimi

Pin It on Pinterest

Questo sito web utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire<br>funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul<br> modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, <br>pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che<br> hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.<br>Acconsenti ai nostri cookie se continui ad utilizzare il nostro sito web. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi