L’azienda di Seattle lancia Care Hub, una serie di funzionalità gratuite pensate per prendersi cura da remoto delle persone più fragili che vivono da sole. In questi tempi di lockdown, in cui si vedono sempre meno i propri cari, sapere a distanza se una persona sta bene, può essere molto utile. Per farlo, serve uno smart speaker Echo nella casa della persona da accudire, e l’applicazione di Alexa sullo smartphone di chi se ne occupa.

Praticamente grazie alla app si può vedere quando la persona ha interagito con l’assistente vocale Alexa (per accendere le luci, chiedere le previsioni meteo ecc…) e ricevere un avviso quando usa l’assistente vocale la prima volta al mattino, o se al contrario non c’è interazione. In situazioni di emergenza, se la persona chiede aiuto ad Alexa si riceve un allarme, ed è anche possibile fare una telefonata dalla app allo speaker.

Amazon sottolinea come Care Hub serva a sapere se una persona è attiva e sta bene, e non cosa sta facendo. L’obiettivo è assicurare indipendenza a chi ne fa uso e rassicurare i parenti che se ne prendono cura. Infatti sulla app si vedrà, ad esempio, che sono state ascoltate canzoni, ma non quali, o che è stata fatta una telefonata, ma non a chi, preservando quindi la privacy.

Fonte: www.stampa.it – Bruno Ruffilli

Pin It on Pinterest